Splendida serata quella che si è svolta a Perugia giovedì 19 ottobre 2017 dal titolo “L’Essenza di Donnafugata. I profumi e i sapori di Sicilia in un calice di vino“.

Protagonista della serata è stata la Cantina Donnafugata rappresentata dal suo area manager per l’Umbria sig. Paolo Francia, che con maestria ha raccontato la storia dell’Azienda e la produzione di eccellenza che ha reso famosa la Società siciliana nel mondo.

In assaggio sono stati proposti i seguenti vini:

Sicilia DOC “Vigna di Gabri” 2016;
– Nero d’Avola Sicilia DOC “Sherazade” 2016;
Cerasuolo di Vittoria DOCG “Floramundi” 2016;
Passito di Pantelleria DOC “Ben Ryè” 2014.

 

In abbinamento è stato offerto un assaggio di formaggio al pistacchio, salame tradizionale italiano e cannoli siciliani.

Per vedere le foto della serata CLICCARE QUI!

 

L’ESSENZA DI DONNAFUGATA
Donnafugata propone al mondo vini che si distinguono per piacevolezza e complessità, vini capaci di convincere e di rendere felice chi li assaggia. Rappresenta l’eccellenza del Made in Italy, il dialogo tra l’arte, il vino e la sostenibilità.

L’Azienda nasce in Sicilia dall’iniziativa di una famiglia che con grande passione ha saputo rivoluzionare lo stile e la percezione del vino siciliano nel mondo.

José, responsabile del controllo di gestione e guida della comunicazione, donna-imprenditrice capace di mettersi in gioco presentando i suoi vini anche nella veste di cantante. Nel 2002 riceve il Premio Bellisario 2002 per il suo contributo alla valorizzazione dell’imprenditoria femminile.

Il nome Donnafugata fa riferimento al romanzo di Tomasi di Lampedusa il Gattopardo. Un nome che significa “donna in fuga” e si riferisce alla storia di una regina che trovò rifugio in quella parte della Sicilia dove oggi si trovano i vigneti aziendali. Una vicenda che ha ispirato il logo aziendale: l’immagine della testa di donna con i capelli al vento che campeggia su ogni bottiglia.

In vigna non vengono usati diserbanti e concimi chimici, riducendo al minimo l’utilizzo di fito-farmaci grazie a tecniche di lotta integrata, come il monitoraggio dei parametri climatici (precipitazioni, temperatura, umidità etc) e il controllo degli insetti (tignola) presenti, attraverso l’utilizzo di trappole a feromoni.

Sostenibilità ed eccellenza delle uve si perseguono inoltre con il ricorso al sovescio, la concimazione organica, l‘irrigazione di soccorso e i diradamenti, razionalizzando l’impiego di risorse naturali quali il suolo, l’acqua, l’aria e l’energia.

Le buone pratiche adottate da Donnafugata nel vigneto (Good Agriculture Practice, GAP) rappresentano uno strumento indispensabile per la produzione di uve sane e perfettamente mature,minimizzando l’impatto ambientale.

L’Essenza di Donnafugata. I profumi e i sapori di Sicilia in un calice di vino
Tag:                         

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Pin It on Pinterest